Patrasso-Grecia: Richiesta di sostegno finanzario e di solidarieta con il movimento anarchico

0
130

link: https://www.firefund.net/anarpatras

Il coprifuoco generalizzato imposto dello stato e inoltre le condizioni senza precidente che sono create dalla scoppio della pandemia di Covid-19, hannno provato il carattere piu criminale , parassitario e antisociale dello stato, il quale non è interessato per le vite del popolo , ma è soltante interessato a massimizzare i profitti dei padroni. Si preocupanno solo per il salvataggio dell’economia e il ritorno allo status di regolarità capitalista.

Allo stesso tempo , lo statο ha imposto un divieto di azione politica e sociale. Si chiamano le manifestazioni e ogni tipo di protesta “bombe sanitarie” . Alcuni esempi sono le manifestazioni del 17 novembre e 6 dicembre, il sciopero del 26 novembre, le manifestazioni degli studenti contro la ristrutturazione dell’ educazione, le mobilitazioni di solidarietà con il politico imprigionato ,Dimitris Koufontinas, chi dall’ 8 gennaio ha iniziato uno sciopero della fame , le manifestazioni contro la gestione statale della pandemia. Tutte hanno accettare la repressione violenta dallo Stato.

Usando “la diffusione del virus” come una finzione, lo stato cerca di normalizzare lo stato di emergenza ed imporre un lockdown politico contro dei nostri nemici politici,sociali e di classe. Alle persone che lottano, hanno imporre multe ed accuse inesistenti, gli edifici occupati e altri centri sociali sono evacuati o attaccati;L’obiettivo dello Stato, particolamente per gli anarchici e i gruppi socio-politici più radicali è di imporre di un divieto totale e sterminarli

Nella città di Patrasso, dall’inizio di lockdown nuovo (novembre 2020) e in mezzo a scelte di stato criminale sulla pandemia (arrivata a costare la vita a 100 persone al giorno), c’eranno manifestazioni di resistenza significative contro l’ imposto del terorrismo di stato e della brutalità capitalista – in solidarietà con tutti che lottano per la vita, la salute, la casa, il cibo, l’istruzione, la libertà e la dignità.

Alle manifestazioni molte persone ,contro i divieti e il terrorismo statale , hanno picchiato dalla polizia; gli edifici occupati e altri centri sociali hanno accettato attaco, decine di multe sono imposti e molte persone sono arrestate . Aspettiamo che tra poco la repressione intensificà (dato che lo Stato dovrà gestire le conseguenze criminali delle sue scelte e che si intensificherà anche la resistenza sociale) e anche aumenteranno i bisogni del movimento a livello materiale, a causa dalle multe e spese processuali per diverse migliaia di euro. Molte sono anche le esigenze che nascono dalla difesa politica delle nostre strutture e delle nostre lotte.

Questo è il motivo per cui chiamiamo ogni lottatore per il supporto sia a livello locale che internazionale, in modo che possiamo affrontare gli extra pese dalla repressione statale in combinazione con la condizione sociale che è sofficante a causa della gestione criminale della pandemia.